Le notizie di niostore - Niostore

NIO negozio informatico online
100% Postivi
100% Postivi
Negozio  Informatico  Online
Logo Niostore
Negozio  Informatico  Online
|
Msi rivenditore Italia Rivenditore Ufficiale Italia
Dell Technologies, Lenovo e Microsoft Partner
Msi rivenditore Italia Rivenditore Ufficiale Italia
Carta del docente abilitato
Spendi qui il tuo buono
Regensioni Google Niostore
Recensione 5 stelle "Questo giovane negozio online merita veramente oltre le 5 stelle."        Recensione 5 stelle "Consigliato"        Recensione 5 stelle "Disponibilità che raramente si trova da altre parti..."     LEGGI DI PIU' >
Regensioni Google Niostore Recensione 5 stelle "Perfetto , darei voto 10 +++ al titolare..."       Recensione 5 stelle "Consigliato"      Recensione 5 stelle "Disponibilità che raramente si trova da..."   LEGGI DI PIU' >
Regensioni Google Niostore
    Recensione 5 stelle "Perfetto , darei voto 10 +++ al Titolare ..."        Recensione 5 stelle "Disponibilità che raramente si trova da altre parti..."     LEGGI DI PIU' >
"Disponibilità che raramente si trova da..."      "Consigliato" LEGGI >
leggi qui le recensioni...
Recensioni google
Vai ai contenuti

La maggior parte dei PC moderni non avrà problemi con Windows 11

Niostore
Pubblicato da Hassan Mujtaba in News nel mondo · 25 Giugno 2021
Tags: windows 11sistema operativo
La maggior parte dei PC Intel e AMD è pronta per il sistema operativo Windows 11, non preoccuparti molto delle restrizioni TPM di Microsoft
Il Trusted Platform Module o TPM è un controllo di sicurezza che è stato reso necessario per essere abilitato per l'ultima versione di Windows 11. Microsoft consiglia che i sistemi con TPM 2.0 siano pronti per Windows 11 ma saranno supportati anche i sistemi che eseguono TPM 1.2. Ora, questa è solo una funzionalità di sicurezza e non dovrebbe esserci alcun impatto sulle prestazioni con entrambe le versioni di TPM. Ciò che rende interessante questo requisito è che non era un check-in obbligatorio nelle versioni precedenti di Windows.



Sono disponibili nuovi requisiti hardware minimi per Windows 11. Per eseguire Windows 11, i dispositivi devono soddisfare le seguenti specifiche. I dispositivi che non soddisfano il pavimento rigido non possono essere aggiornati a Windows 11 e i dispositivi che soddisfano il pavimento morbido riceveranno una notifica che non è consigliato un aggiornamento.


Hard Floor:
  • CPU: Core >= 2 e velocità >= 1 GHz
  • Memoria di sistema: TotalPhysicalRam >= 4 GB
  • Memoria: 64 GB
  • Sicurezza: versione TPM >= 1.2 e SecureBootCapable = True
  • Sicurezza: TPMVersion >= 2.0 e SecureBootCapable = True
  • Smode: Smode è falso o Smode è vero e C_ossku in (0x65, 0x64, 0x63, 0x6D, 0x6F, 0x73, 0x74, 0x71)

Quindi quali processori sono consigliati dalla stessa Microsoft? Se controlli la loro pagina di supporto per le CPU compatibili con Windows 11, i seguenti processori non avranno problemi a eseguire il sistema operativo:

CPU AMD compatibili con Windows 11
  • AMD Ryzen 2000 (Pinnacle Ridge)
  • AMD Ryzen 3000 (Matisse)
  • AMD Ryzen 3000 (Picasso)
  • AMD Ryzen 4000 (Renoir)
  • AMD Ryzen 5000 (Vermeer)
  • AMD Ryzen 5000 (Cezanne)
  • AMD Ryzen 5000 (Luciana)
  • AMD Ryzen Threadripper 2000
  • AMD Ryzen Threadripper 3000
  • AMD Ryzen Threadripper Pro 3000
  • AMD EPYC di seconda generazione (Roma)
  • AMD EPYC 3a generazione (Milano)

CPU Intel compatibili con Windows 11
  • Intel di ottava generazione (Coffee Lake)
  • Intel 9a generazione (Coffee Lake Refresh)
  • Intel di decima generazione (Comet Lake)
  • Intel di decima generazione (Lago di ghiaccio)
  • Intel di 11a generazione (Rocket Lake)
  • Intel di 11a generazione (Tiger Lake)
  • Intel Xeon Skylake-SP
  • Intel Xeon Cascade Lake-SP
  • Intel Xeon Cooper Lake-SP
  • Intel Xeon Ice Lake-SP

Come puoi vedere, ci sono CPU del 2017-2018 che sono supportate da Windows 11 senza problemi, ma che lasciano ancora al buio la maggioranza degli utenti che utilizzano CPU meno recenti. I chip AMD Ryzen come i chip di prima generazione (Summit Ridge) e Skylake di Intel non sono nemmeno menzionati, ma sono completamente compatibili con il sistema operativo Windows 10 esistente. La cosa interessante è che Skylake ha alcune funzionalità TPM 2.0, quindi resta da vedere come i chip con funzionalità BIOS parziali o firmware (fTPM) siano supportati dal nuovo sistema operativo Windows 11.



Secondo Robert Hallock di AMD, anche se non si dispone di TPM 2.0, la maggior parte delle schede madri Ryzen ha almeno fTPM 1.2 che dovrebbe funzionare facilmente con il sistema operativo Windows 11. Inoltre, una cosa da notare è che la prossima build insider funziona solo su hardware TPM 2.0, ma la versione ufficiale di Windows 11 supporterà anche l'hardware TPM 1.2.

"All'inizio di quest'anno, AMD ha rivelato mitigazioni relative a potenziali vulnerabilità di sicurezza per le versioni Trusted Platform Module (fTPM) del firmware AMD v.96, v1.22 e v1.37. AMD ritiene che le vulnerabilità fTPM si applichino solo ad alcuni dei suoi processori client poiché fTPM non è abilitato su server, grafica e embedded AMD. AMD ha fornito una patch ai produttori di PC per risolvere il problema.

Gli utenti di Microsoft Windows possono verificare la propria versione fTPM e trovare le istruzioni per cancellare il TPM su:  https://docs.microsoft.com/en-us/windows/device-security/tpm/initialize-and-configure-ownership-of-the -tpm

AMD ha raccomandato ai produttori di PC di qualificare e rilasciare un BIOS aggiornato che integri la patch fTPM, a seconda dei casi, in produzione alla prossima opportunità disponibile e fornire indicazioni agli utenti finali per applicare le correzioni definite in base al prodotto. Per fTPM v1.37, AMD ha informato i produttori di PC che dovrebbero prendere in considerazione l'aggiornamento del BIOS di sistema prima di cancellare l'fTPM per proteggere le chiavi generate a livello di piattaforma. tramite AMD"

Ci saranno anche diversi utenti che potrebbero eseguire CPU TPM 2.0 / TPM 1.2 / fTPM 1.2 ma non riescono a superare il controllo dei requisiti di Windows 11. Ciò potrebbe essere semplicemente dovuto al fatto che la tecnologia è disabilitata tramite il BIOS e deve essere abilitata. Sarebbe inoltre necessario un aggiornamento del firmware del BIOS per alcune piattaforme precedenti. Certo non è un grosso problema per gli appassionati di PC e i costruttori fai-da-te, ma dobbiamo riconoscere che c'è una maggioranza di utenti là fuori che non sanno come farlo e un modo più semplificato per farlo dovrebbe essere incorporato da Produttori di schede madri Microsoft e PC.

Fonti di questo articolo:



Non sono presenti ancora recensioni.
0
0
0
0
0
Torna ai contenuti